La conta della buonanotte

Una bellissima favola per imparare a rendersi utili agli altri e a credere a se stessi, scritta da Paola Lungo e illustrata da Olga Puccitelli...

137276280_866051780863227_2874540959284857901_nC’era una volta… una pecorella che non voleva saltare la staccionata. Non che non fosse capace, solo che si vergognava di fare un salto davanti a tutto il gregge. E aveva un buon motivo…era NUDA!!

Il suo gregge era radunato da ore ed era stata distribuita a tutte le pecorelle una pettorina con un numero. In fila indiana, seguendo l’ordine numerico, dovevano percorrere una stradina in mezzo ai campi e saltare una staccionata, per cercare una zona più ricca d’erba, vicino al fiume. Così facendo avrebbero guadagnato cibo ed acqua fresca, ma avrebbero anche svolto un’altra importante missione: far addormentare tutti quei bimbi che nella loro fantasia le guardavano saltare una dopo l’altra… Alcuni sarebbero crollati alle prime pecorelle, altri invece, ancora troppo arzilli per dormire, sarebbero andati avanti a contare oltre le prime 50 pecore.

Quindi il gregge era pronto a saltare ad oltranza, finché tutte le pecorelle fossero arrivate alla radura e tutti i bambini si fossero addormentati, osservandole nella loro mente… la conta della buonanotte

L’unica che invece proprio non ne voleva sapere di saltare era lei, la pecorella 75. Era sempre stata brava nel salto agli ostacoli, anche nel salto in lungo, meno nel salto in alto, ma difficilmente serviva alle pecore… Purtroppo però, poco prima di partire dall’ovile alla ricerca dell’erba fresca, un pastorello l’aveva presa in braccio e pazientemente, con attenzione e delicatezza, l’aveva tosata… E ora era veramente tutta nuda!!! Era corsa a nascondersi dietro un cespuglio, ma aveva visto gli sguardi divertiti delle sue compagne, con gli zoccoli puntati ad indicarla, aveva sentito i belati ironici…e ora era in ansia: quando sarebbe toccato a lei saltare la staccionata tutte le pecorelle del gregge avrebbero fatto a gara a prenderla in giro. Sperava di cuore che i bimbi che dovevano far addormentare crollassero in un dolce e profondo sonno già verso la pecora 30, così da non correre il rischio di dover veramente fare quel salto umiliante….

pecoraballerina_buonanotteSe volete sapere come andrà a finire e fare un regalino tenero a figli, nipotini, cuginetti, figli di amici, amici che soffrono di insonnia, adulti ancora capaci di sognare…cliccate sul link seguente e acquistate questa favola! Tutti i proventi saranno devoluti alla Fondazione Beppe Lungo Onlus, da sempre impegnata nel sociale, in particolare a favore dei bambini.
https://www.fondazionebeppelungo.it/una-favola-per-la…/

Si tratta di una favola semplice, adatta ai bambini, ma con una morale che anche gli adulti dovrebbero sempre tener salda nella propria mente: l’importanza dell’accettazione di sé e degli altri, con tutti i difetti e i limiti che ognuno possiede, e il valore della collaborazione per il bene della collettività.

Tutti i proventi derivanti dalla vendita di questo libro saranno perciò destinati a contribuire concretamente al sostentamento di piccole e grandi iniziative.

Redazione

Leggi Anche

 


avatar Articolo scritto da Redazione il 09/01/2021
Categoria/e: Favole, Primo Piano.



Lascia un commento

Newsletter di Favole e Fantasia

Ricevi i nostri articoli nella tua E-Mail



Favole e Fantasia
Collegati | Copyright 2012-2021 FavoleFantasia.com è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655