Natale in anticipo

Cosa succede se Babbo Natale decide di portare i regali in anticipo, magari a Luglio? Scopritelo leggendo questa divertente favola...

      Babbo Natale terminò di abbottonarsi la sua maglia più pesante, si infilò due grossi maglioni, indossò la sua giacca rossa e nell’ingresso prese anche la sciarpa. La grandine batteva contro i vetri.

- Che notte per uscire! E’ una serata per stare seduti accanto al fuoco a mangiare pane arrostito e burro!

Si infilò i calzini più pesanti, scosse il fango dagli stivali e cercò i suoi guanti. Mentre si guardava allo specchio, pensò:

- Per forza la gente crede che io sia grasso. Con tutta questa roba addosso!

Fuori dalla porta, la renna Rodolfo scalpitava impaziente di partire. Babbo Natale controllò che ci fossero tutti i regali  e  partì verso l’inospitale cielo notturno.

- Quest’anno non riesco a entrare nello spirito del Natale. Ma perché lo fanno sempre venire d’inverno quando il tempo è così perfido?

babbonatale2Si fermarono con la slitta su un tetto ripido, reso scivoloso dal ghiaccio. Rodolfo guardava Babbo Natale impacciato dai suoi vestiti pesanti. Infilando cautamente prima un piede e poi l’altro nella cappa del camino, si tappò il naso e si lasciò andare nel buio. Ma aveva addosso dei vestiti troppo grossi, per poter scivolare sulla grata del camino. Rimase a metà e incominciò a dimenarsi, a brontolare e a trattenere il fiato cercando di rimpicciolirsi. Il fuoco covava ancora sotto la cenere e gli sbuffi di fumo lo facevano tossire. Intanto le suole dei suoi stivali cominciavano a riscaldarsi un po’ troppo. Solo quando Rodolfo gli rovesciò addosso il sacco dei regali, Babbo Natale saltò fuori dal caminetto come il tappo di una bottiglia. Ritornato su, continuava a lamentarsi:

- Mai più, mai più! Natale dovrà arrivare più presto l’anno prossimo!

- E quando? – chiese Rodolfo mentre attraversava un cumulo di neve.

- Luglio! – disse Babbo Natale. E si sentì meglio al solo pensiero

Luglio arrivò prestissimo. Babbo Natale era così occupato a preparare i regali, che non poté andare nemmeno in vacanza.

- Beh, dicono che una novità fa bene come una vacanza! Quest’anno desidero davvero che arrivi Natale! Tira fuori il carretto a sei ruote. Non abbiamo bisogno di prendere quella pesante slitta! – disse a Rodolfo.babbonatale4

babbonatale3Poi Babbo Natale si fece la barba, se la faceva crescere solo d’inverno per tenere la faccia al caldo; indossò i suoi jeans preferiti, una maglietta e dei sandali e filò fuori casa.

A causa dell’ondata di calore tutti i tetti erano asciutti e facili da scalare. Il carretto a sei ruote scivolava via leggermente e Rodolfo era riposatissimo quando atterrarono sul primo tetto. Il comignolo stretto non rappresentava una difficoltà, questa volta. Babbo Natale scivolò giù facilmente, come una lettera nella cassetta della posta. Si piantò sul tappeto starnutendo, col naso pieno di fuliggine. Ma, guardandosi attorno, vide che qualcosa non andava. Non c’erano bicchierini di liquore, né pezzi di torta a dare il benvenuto a Babbo Natale; non c’era l’abete né le decorazioni. La casa aveva un aspetto solitario e nudo. Poi a un tratto la verità lo colpì.

- La famiglia è andata in vacanza! Ma che roba! Sono andati in vacanza senza nemmeno pensare a me!

Deluso risalì dalla cappa del camino con tutti i suoi regali.

- Non mi aspettavano! – disse mentre a fatica si tirava fuori dal camino, fradicio di sudore per il caldo.

Rodolfo intanto aveva un bel da fare per difendersi dalle punture delle zanzare: – D’inverno però tutti questi insetti non ci sono! – borbottò.

E la stessa cosa capitò nelle altre case che visitarono. O le famiglie erano in vacanza, oppure i bambini erano ancora svegli perché faceva tanto caldo. Più di una volta Babbo Natale dovette risalire precipitosamente il camino per non farsi vedere. In una famiglia chiamarono perfino la polizia, quando sentirono dei rumori strani provenire dal camino.

- Un ladro e ce n’è un altro sul tetto! – dicevano al telefono.babbonatale4b

- Mai più! – disse Babbo Natale mentre tornava velocemente verso casa – Presi per dei ladri! Mai più!babbonatale5

Intanto c’erano da consegnare ancora tanti regali. Per fare le cose per bene, gli toccò consegnarli come sempre la vigilia di Natale. Si abbottonò la maglia più pesante, si mise i maglioni, la giacca rossa con i bordi di pelliccia, si arrotolò la sciarpa e infilò i guanti. Rodolfo trascinò fuori la pesante slitta e galopparono via in mezzo a una violenta nevicata senza dire una parola. babbonatale5Quando arrivarono al tetto con il comignolo stretto, Babbo Natale si strinse la cintola, si mise un sacco in spalla e si sedette in cima al comignolo.

- Non so proprio chi me lo fa fare – brontolava mentre faticosamente si calava giù.

Di sotto, nella sala, dieci festoni colorati attraversavano il soffitto, un alto abete torreggiava in un portavasi rosso, con i rami pieni di lucine colorate e ghirlande argentate. Il riflesso della neve illuminava la stanza di una bianca luce, facendo spiccare i cinquanta cartoncini di auguri: Buon Natale… Tanti Auguri… Con amore…

babbonatale6- Per Babbo Natale – c’era scritto su un biglietto dorato vicino a una bottiglia di vin dolce e a un pezzo di torta.

Babbo Natale bevve, mangiò e si guardò intorno provando una sensazione di calda tenerezza.

Di sopra, i ragazzi dormivano avvolti in calde coperte colorate.

- Ah, che bellezza il Natale! – sospirò. Tornò sul tetto. La salita non gli sembrò più così difficile e saltando fuori dal comignolo disse a Rodolfo: – In futuro consegnerò i miei regali solo la vigilia di Natale!

Sembrava che Rodolfo non stesse ascoltando. Stava osservando le stelle scintillare sui tetti innevati. Una luna argentata tremò al suono delle campane di Natale.

- Che bellezza il Natale!!

Redazione

Leggi Anche


avatar Articolo scritto da Redazione il 21/11/2019
Categoria/e: Favole, Primo Piano.



Lascia un commento

Newsletter di Favole e Fantasia

Ricevi i nostri articoli nella tua E-Mail



Presepe con Tappi di Sughero

Favole e Fantasia
Collegati | Copyright 2012-2019 FavoleFantasia.com è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655