La gallina dalle uova d’oro

"Non bisogna essere avidi, bisogna accontentarsi di ciò che si possiede"... è la morale di questa favola di Esopo.

EsopoC’era una volta un contadino che aveva un pollaio con galli e tante galline e ogni anno, in primavera, nascevano tante belle nidiate di pulcini, covati con cura dalle chiocce.
Ma una gallina era speciale perché faceva un uovo al giorno e questo uovo era tutto d’oro. Così, ogni mattina, il contadino lo trovava nella cova, bello, grosso e brillante. Lo raccoglieva tutto gongolante e si fregava le mani dalla contentezza. Ma era un ingrato e non rivolgeva mai un ringraziamento alla prodigiosa gallina. Si prendeva l’uovo d’oro, andava al mercato, lo vendeva e portava a casa un bel mucchietto di soldi che nascondeva sotto al materasso senza raccontare nulla a nessuno, nemmeno a sua moglie che lavorava tutto il giorno nei campi.

gallinaEra avido, avaro e insaziabile…. Una mattina trovò un uovo più bello e grosso del solito e pensò: - ”Se la gallina depone ogni giorno un uovo d’oro, chissà quanto oro ha dentro la sua pancia, lo voglio tutto e subito!”
Detto e fatto, prese un coltello e squartò il ventre alla gallina!
Ma le viscere della povera bestia erano normali, come quelle di tutte le altre galline.

E così il contadino restò a bocca asciutta, la gallina non aveva alcun tesoro dentro il suo corpo ed ora che era morta il contadino restò privo anche del modesto guadagno giornaliero.

Redazione

Leggi Anche


avatar Articolo scritto da Redazione il 30/03/2016
Categoria/e: Favole.



Lascia un commento

Newsletter di Favole e Fantasia

Ricevi i nostri articoli nella tua E-Mail



Favole e Fantasia
Favole e Fantasia
Collegati | Copyright 2012-2016 FavoleFantasia.com è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655