Capire i disegni dei bambini

Attraverso i loro disegni possiamo comprendere tante cose...

Disegni bambiniProprio così! Il disegno non è solo un passatempo per i nostri bambini, ma anche un utile strumento a disposizione dei genitori per cogliere i segnali che i più piccoli mandano al mondo degli adulti: dai disagi alle emozioni più profonde.
Ciò che non riescono ad esprimere a parole, spesso lo esprimono disegnando.
E così, se saputi cogliere, i disegni danno delle utili indicazioni sul percorso di crescita del bambino. Il disegno rappresenta, infatti, la parte più intima e inconscia del loro mondo: dei sentimenti e dell’emotività. Senza esserne consapevoli, i bambini mettono sul foglio ciò che vivono dentro e che non riescono ad esternare: paure, gioie, cambiamenti, difficoltà (la paura dei mostri o degli animali, la gelosia nei confronti di un fratellino…)
Il disegno diventa quindi un mezzo di comunicazione non solo del loro mondo interiore, ma anche del loro rapporto con il mondo esterno e con la famiglia.
Ma come interpretare il disegno di un bambino?
I grafologi sostengono che ci sono alcune cose da tenere in considerazione:
La prima è lo spazio sul foglio. Bisogna notare se il bambino quando disegna riempie o meno tutto il foglio. Nel primo caso il bambino è solare e sereno; nel caso opposto, invece, il bimbo ha bisogno di essere rassicurato dai genitori perché potrebbe sentirsi inadeguato.
Il modo di disegnare. Come appoggia la matita sul foglio? Se poggia la matita con forza è un bambino volitivo, con elevata energia vitale; se invece lo sfiorerà, il bambino ha delle insicurezze.
Cosa rappresenta. Uno dei disegni più frequenti è la figura umana; se viene rappresentata intera, vuol dire che il bambino ha una certa stabilità. Se è senza mani, manca la comunicazione in famiglia. Se è senza piedi gli manca la sicurezza.
Altro soggetto molto disegnato è la casa, il luogo dell’accoglienza. Se la disegna con il comignolo fumante, nella sua vita c’è affetto e calore. Se ha le finestre chiuse, vuol dire che vive in un ambiente troppo protettivo, che gli lascia poco spazio.
capire-i-disegni-dei-bambiniQuando disegna la sua famiglia, se il bambino si colloca al primo posto, rispetto agli altri componenti, è un bambino egocentrico. Se si mette all’ultimo posto, si sente messo da parte.
Anche i colori che utilizza offrono utili indicazioni. Se sceglie colori vivaci, ha una personalità estroversa; se sceglie colori tenui ha una personalità timida.
Una cosa importante:

EVITATE COMMENTI SIA POSITIVI CHE NEGATIVI SUL SUO DISEGNO

del tipo “Non sai disegnare”, “Tuo fratello disegna meglio”…per NON INIBIRE LA SUA VOGLIA DI DISEGNARE  e di esprimere se stesso e il suo mondo interiore.

Redazione

Leggi Anche


avatar Articolo scritto da Redazione il 05/08/2017
Categoria/e: Approfondimenti, Primo Piano, Rubriche.



Lascia un commento

Newsletter di Favole e Fantasia

Ricevi i nostri articoli nella tua E-Mail



Favole e Fantasia
Collegati | Copyright 2012-2017 FavoleFantasia.com è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655