Il coniglio forzuto

Può un coniglio sfidare un elefante e un ippopotamo al tiro alla fune? E' quello che accade in questa divertentissima favola...

Coniglio forzuto_1Un giorno, parecchio tempo fa, un Coniglio sfidò un Elefante: – Sono piccolo – disse – ma sono forte quanto te!

Naturalmente Elefante rise a più non posso, con la sua lunga proboscide, e continuò a fare il bagno nel fiume.

E Coniglio continuò:  Se domani porto con me una corda, proverai la tua forza contro la mia in un tiro alla fune?

- E va bene, vai a prendere la tua fune, allora – rispose Elefante e continuò ad affilarsi le sue lunghe zanne contro la roccia.

Ma prima di andare a prendere la corda, Coniglio fece un’altra visita. Ippopotamo stava facendo colazione sui pascoli alti, com’era abitudine degli ippopotami a quei tempi.

- Fai attenzione a dove ti siedi – disse vedendo Coniglio – Potrei calpestarti per sbaglio!

- Non preoccuparti per me – rispose Coniglio – Sono piccolo, ma immensamente forte e, se ne hai voglia, te lo proverò domani in un tiro alla fune!

Ippopotamo sbadigliò pigramente: – Non mi piacerebbe farti del male, ma se proprio vuoi…coniglio forzuto_ 2

Coniglio furbo_4Il giorno dopo Coniglio arrivò tutto curvo sotto il peso di una lunga corda. Elefante era già sul posto. Coniglio gli passò un capo della corda e il pachiderma se la attorcigliò intorno alla spessa e grigia proboscide.

- Ora indietreggia – gli disse Coniglio -  e quando la corda sarà tesa, possiamo cominciare a tirare.

Elefante indietreggiò fino in mezzo alla giungla… proprio mentre Ippopotamo scendeva goffamente verso la pianura. Coniglio diede l’altra estremità della corda a Ippopotamo, dicendo:

- Ho lasciato l’altro capo della corda nella giungla. Indietreggia e quando la corda sarà tesa, comincia a tirare.

Ippopotamo legò la corda intorno ai suoi quattro dentoni e serrò forte la mascella. Poi anche lui indietreggiò nella giungla per far tendere la corda.

Il tiro alla fune era iniziato. Elefante cominciò a tirare, senza troppa forza, per non far male a Coniglio. Ma anche Ippopotamo tirò senza troppa forza, per non far male a Coniglio. La corda vibrava, ma senza molta convinzione.

- Beh, chi l’avrebbe detto che quel tipetto fosse così forte! – pensò Elefante e tirò un po’ più forte.

- Ma chi si immaginava che Coniglio sapesse tenere così bene la posizione, con quelle piccole zampe pelose! – pensò Ippopotamo. E anche lui tirò un po’ più forte.coniglio forzuto 6

- Ma che succede? Mi ha fatto quasi perdere l’equilibrio! – esclamò Elefante – Ora tirerò con tutta la mia forza!

- Ma che succede? Mi ha fatto quasi ruzzolare – esclamò Ippopotamo – Farò meglio a usare tutta la mia forza!

Elefante_7E così Elefante e Ippopotamo tirarono a più non posso. Tiravano, grugnivano e sbuffavano, ma nessuno dei due riusciva ad andare in vantaggio. Il tiro alla fune durò tre giorni interi, con le due grosse bestie ancorate nel punto in cui avevano piantato i loro piedoni.

Dapprima Coniglio si divertì allo spettacolo, ma dopo tre giorni cominciò ad annoiarsi. Allora morsicò la corda. Un enorme crack rimbombò nella giungla, allo spezzarsi della corda.

Hippo 7Elefante volò all’indietro e atterrò in un cespuglio pieno di spine e Ippopotamo venne scagliato per aria e atterrò nel fiume fangoso.

Ed è per questo che, da quel giorno, Elefante sradica gli alberi in cerca del forzuto Coniglio che ferì il suo orgoglio… e il suo posteriore in un cespuglio di rovi.

Ed è da quel giorno che Ippopotamo si nasconde nel fiume e si rifiuta di uscire prima che faccia buio, ha paura di incontrare il Coniglio forzuto.

Redazione

Leggi Anche

 


avatar Articolo scritto da Redazione il 01/05/2016
Categoria/e: Favole.



Lascia un commento

Newsletter di Favole e Fantasia

Ricevi i nostri articoli nella tua E-Mail



Favole e Fantasia
Collegati | Copyright 2012-2017 FavoleFantasia.com è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655