Aracne e Minerva

Dalla mitologia greca arriva questo racconto che spiega l'origine del ragno e della sua ragnatela...

Aracne e MinervaAracne era una giovane e brava tessitrice che viveva in Lidia. Un giorno le Ninfe del bosco si recarono a farle visita e, stupefatte le chiesero:

- Chi ti ha insegnato a lavorare in un modo così perfetto? Forse la dea Minerva?

- No davvero! – rispose la fanciulla orgogliosamente. - Ho imparato tutto da me. Credo anzi di saper tessere meglio della dea, e sarei felice se potessi gareggiare con lei.

Subito apparve Minerva.

- Eccomi, Aracne, sono qui! Mi hai sfidato, e io accetto la sfida. Incominciamo a tessere!

La dea sedette dinanzi a un telaio d’oro, apparso misteriosamente, e la fanciulla si mise dinanzi al suo. Per tre giorni e tre notti, senza posa, le due tessitrici lavorarono. Minerva rappresentò sulla tela il monte Olimpo, con la reggia di padre Giove e con tutte le divinità; Aracne raffigurò invece alcuni episodi di caccia. Tutti e due i lavori erano meravigliosi, ma il ricamo di Minerva splendeva di una luce divina.

- Aracne, tu sei una creatura di questo mondo e non puoi gareggiare con gli dèi – disse Minerva con voce severa. – Sei stata troppo orgogliosa e devo punirti.

La toccò con la punta della sua lancia e la fanciulla diventò piccina piccina, poi le spuntarono quattro paia di zampe pelose.

La dea l’aveva trasformata in ragno, che da quel giorno tesse la sua brutta tela.

Redazione

Leggi Anche


avatar Articolo scritto da Redazione il 11/10/2015
Categoria/e: Favole.



Lascia un commento

Newsletter di Favole e Fantasia

Ricevi i nostri articoli nella tua E-Mail



Favole e Fantasia
Collegati | Copyright 2012-2017 FavoleFantasia.com è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655